C’è il giorno

C’è il giorno,

quello con l’incrosto

che non si schioda

dal velame obliquo

dell’incompreso

che frana e che confonde

anche la buccia buona.

E’ quando

te ne rimani avvolto

in polpa silenziosa

incuneato

tra gli strisci delle lamine,

uno straccetto, un battito, un suono che non ciocca.

Fuggo Sacripante nello stomaco,

l’irrigidimento della ghirba

sulle crepe della veccia.

Ho scricchiolio di fegato e di bile,

un guaito che è pur sempre fuoco

per tagliare il giorno,

sul divenire della sera.

Scavalco il vacillare

per farmi buio,

palpitante,

di un risveglio altro,

più possente,

che deglutisca,

queste frecce,

questi spilli,

d’umana sonnolenza

e pendagli,

di impiccati colpi,

che mi sbrano,

da me,

nel mio arrancare

su uno sbattuto slancio

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Scrivo da sempre, per fuga e per necessità. Scrivo per starmene da solo. Scrivo come cammino o vado in moto. Per rinascere ogni volta.

Facebook

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.