Il conforto, che ci vuole sempre

Il conforto, che ci vuole sempre. Come una bella canzone. Che solleva, unisce, abbraccia e distende. Eccola, Il Conforto

Il conforto, che ci vuole sempre. Questa è una di quelle canzoni che proporre e riproporre non è mai sbagliato. Il conforto, che dire, what else? E’ un pò che non vi propongo qualche brano.

Vivo quando scrivo e quando ascolto musica. E quando cammino e viaggio.

Ho suonato per anni a livello professionistico, da batterista, ho fatto due dischi e poi, non vedendo luce, mi sono dedicato all’altra mia passione: scrivere. Per dire la verità anche in questo caso, soprattutto in Italia, scrivere è un pò come fare musica. La luce la vedi a tratti. Ma, insomma, non voglio tediarvi. Voglio dire altro.

La musica è da sempre la stella danzante che mi porta “oltre” e mi fa compagnia. Come i libri. Ho la casa ricolma di vinili, cd e cassette.

Il conforto, che ci vuole sempre
Il conforto, che ci vuole sempre

E ovviamente, cataste di libri ovunque. Ho ascoltato musica colta e popolare, vissuto la new wave e il punk in gioventù. Una cosa è certa: non ho quegli snobismi ad uso di molti “critici”. Sia per la musica che per la scrittura.

Ciò che mi comunica una “visione” lo apprezzo, ciò che non mi comunica nulla, lo oltrepasso. Tutto qui. In questo caso, l’abbinamento Tiziano Ferro e Carmen Consoli mi comunica molto, mi avvolge.

Il conforto, che ci vuole sempre

Il conforto, chi non ne ha bisogno. Bello il video, bella lei, belli tutti, un colpo in gola il brano. Ve lo propongo con testo annesso.

Il conforto, che ci vuole sempre

Il conforto
Se questa città non dorme
Allora siamo in due
Per non farti scappare
Chiusi la porta e consegnai la chiave a te
Adesso sono certa della differenza tra
Prossimità e vicinanza
Eh, è il modo in cui ti muovi
In una tenda in questo mio deserto
Sarà che piove da luglio
Il mondo che esplode in pianto
Sarà che non esci da mesi
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio
E occhi bendati, su un cielo girato di spalle
La pazienza, casa nostra, il contatto, il tuo conforto
Ha a che fare con me
È qualcosa che ha a che fare con me
Se questa città confonde
Allora siete in due
Per non farmi scappare
Mi chiuse gli occhi e consegnò la chiave a te
Adesso sono certo
Della differenza tra distanza e lontananza
Sarà
Sarà che non esci da mesi
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani
Ci vuole coraggio
E occhi bendati su un cielo girato di spalle
La pazienza a casa nostra il coraggio il tuo conforto
Ha a che fare con me
È qualcosa che ha a che fare con me
Sarà la pioggia d’estate
O Dio che ci guarda dall’alto
Sarà che non esci da mesi sei stanco
Hai finito e respiri soltanto
Per pesare il cuore con entrambe le mani mi ci vuole un miraggio
Quel conforto che
Ha a che fare con te
Quel conforto che ha a che fare con te
Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio
E tanto tanto troppo troppo troppo amore

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Scrivo da sempre, per fuga e per necessità. Scrivo per starmene da solo. Scrivo come cammino o vado in moto. Per rinascere ogni volta.

Facebook

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.