Boston, la città più inglese d’America, da visitare camminando

Boston, la città più inglese d'America, da visitare camminando
Boston, la città più inglese d'America, da visitare camminando

Boston, la città più inglese d’America, è ideale per passeggiare. Camminatori e turisti amanti di un’America di tradizione “britannica” non rimarranno affatto delusi

Boston, il nostro viaggio inizia da qui. Una città che ricorda più di altre in America l’Inghilterra vittoriana, un po’ anche la Milwakee di Happy Days, insomma una diversa idea di America. Più collegiale, educata, europea. Né l’America nazionalista delle bandiere a stelle e strisce in ogni giardinetto e nemmeno il “melting pot”. A Boston sembra di essere nella vecchia Europa.

Boston, la città più inglese d'America, da visitare camminando

A Boston è particolarmente “gustoso” passeggiare. Andarsene a zonzo diventa un esercizio intellettuale dove è facile “flirtare” con il verde delle aiuole e l’estetica di vie e palazzi. Boston, fondata nel 1630, è una delle città più antiche d’America. A giardarla, quasi riesci a dimenticare la frase che degli americani ebbe a dire uno scrittore come Dreu La Rochelle: “Un popolo passato dalla barbarie alla decadenza senza aver conosciuto la civiltà”.

La città abbina molto bene antico e moderno: case con mattoncini rossi, viali alberati, edifici storici, chiese, caffè sulla strada e spaziosi parchi segnano il profilo della città. Sembra di essere a Londra o in qualche altra cittadina del Regno Unito. Boston ha molto della città europea di una certa “tradizione”.

Boston, The Freedom Trail

Il ruolo chiave che Boston ha svolto durante la Rivoluzione Americana è messo in evidenza dalla Freedom Trail, una strada di circa 2,5 miglia che passa attraverso siti storici importanti per la fondazione della città. The Freedom Trail è un percorso ideale per i turisti che amano “mettersi in marcia” e godersi appieno la città. Si può fare tranquillamente in poche ore anche da soli ed è riconoscibile perché sui marciapiedi e sulle strade è segnata una linea rossa che ne indica il percorso.

Attraverso The Freedom Trail accediamo facilmente ai luoghi storici principali di Boston, una delle prime città ad essere colonizzate dai conquistatori europei e da dove sono partite le guerre d’indipendenza. Tra i padri fondatori, emerge la figura di Paul Revere, cui si deve quello che viene chiamato Boston Tea Party, un grande incendio provocato in risposta alle tasse imposte dagli inglesi. Di Paul revere possiamo visitare la casa – la più antica di Boston -, la statua e altro legato alla sua storia.

I turisti che visitano Boston per la prima volta la troveranno davvero la “Walking City” ideale. Merito delle strade percorribili con facilità e del sistema di trasporti metropolitani particolarmente fruibile. La città è divisa in due dal fiume che separa la zona antica da quella moderna. Interessante anche il porto dove i bostonians attraccano le loro barche a vela e dove si può visitare un antico veliero, la USS Constitution. In questa zona sono stati recuperati i vecchi cantieri nautici per farne dei loft.

Mercati, grattacieli e locali

Una delle tappe è l’antica sala di ritrovo Faneuil Hall, oggi popolare mercato. Come tutti i mercati, animato da un fitto andirivieni, Faneuil Hall è l’ideale tappa per una giornata in cui il passeggiare per le vie di Boston diventa una autentica e preziosa terapia. Boston è ricolma di giovani e di locali, specialmente nella zona di Quincy Market e di South Market, dove spesso stazionano artisti di strada. Appena fuori città, a Cambridge, si trovano due delle più importanti università del mondo, il MIT (Massachusetts Institute of Technology) e Harvard.

 

Non possono mancare i grattacieli. Siamo sempre in America. I grattacieli compongono la downtown, tra cui la famosa Prudential Tower. Le case più belle si trovano a Beacon Hill Street, una via stretta e in salita nel cuore della città. Per le famiglie in viaggio, da trascorrere una giornata all’Assembly Row di Somerville, il più recente outlet di Boston con grandi marchi, ristoranti e intrattenimento. Si trova a pochi minuti da downtown ed è facilmente raggiungibile con la metropolitana (Orange Line). Ospita anche il Legoland Discovery Center, un bellissimo parco lungo il Mystic River, dove i bambini troveranno “pane per i loro denti”.

Per visitare la città non servono molti giorni. Tre o 4 saranno più che sufficienti. Un paio di suggerimenti: non mancate l’escursione di un giorno per vedere le balene. Se sarete a Boston il 9 di agosto, quest’anno o il prossimo, vista la situazione di questo strano anno 2020, non perdetevi il Boston Seafood Festival sullo storico Fish Pier, un ricco programma di degustazioni, chef, eventi e tanti buoni piatti a base di pesce freschissimo. Dopo avervi raccontato di questa stupenda “Walking City”, il nostro viaggio proseguirà nei prossimi giorni con le “narrazioni” sul percorso che mi ha portato da Boston, lungo la bellissima costa di Cape Cod per arrivare sino all’affascinante a New York.

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook