Canarie, clima e paesaggio ideale per quando sarà finito questo incubo

Canarie, clima e paesaggio ideale per quando sarà finito questo incubo
Foto di Rolanas Valionis da Pixabay

Canarie, facciamoci un pensiero per quando saremo fuori dall’incubo che sta caratterizzando questi mesi. ma continuamo a sognare di viaggiare e di farlo nel modo migliore. Ecco perché parlare di Canarie fa bene e fa bene continuare a guardare oltre. Perle spagnole caratterizzate da “un’estate perenne”.

Canarie e in un colpo solo ti viene in mente la poesia più bella di Albert Camus quando recita: “Nel bel mezzo del caos ho scoperto che vi era in me un’invincibile tranquillità. Ho compreso, infine, che nel bel mezzo dell’inverno, ho scoperto che vi era in me un’invincibile estate”. Insomma, per gli inverni dell’anima, del cuore e del corpo, le Isole Canarie rappresentano un soggiorno ideale per ritemprarsi sotto tutti i punti di vista.

Le Canarie appartengono alla Spagna pur trovandosi davanti al Marocco. Sono isole di origine vulcanica che conquistano non solo per il clima ma per la presenza di una natura incantevole in grado di realizzare scenari indimenticabili. Andiamo a capire quali sono le isole che formano l’arcipelago e danno vita a luoghi che una volta abbandonato il coronavirus potremo visitare per sorridere al sole, lasciandoci alle spalle questo periodo complesso.

Fuerteventura

È l’isola più antica delle Canarie ma non lo dimostra. Perché Fuerteventura è un posto unic per il clima, l’eterna primavera, le spiagge infinite, l’oceano gentile, la natura selvaggia, la bellezza dei silenzi,

A Fuerteventura troviamo alcune tra le spiagge più belle delle Canarie. Le acque che circondano l’isola sono cristalline, poco profonde e adatte agli sport nautici, come vela, sci d’acqua e soprattutto windsurf. Fuerteventura è, non a caso, uno dei punti di riferimento nel circuito dei Campionati Mondiali di questa attività sportiva. Tante le spiagge dove è possibile praticare questo sport come ad esempio Corralejo, Cotillo, Caleta de Fuste, Jandía e Cofete. L’isola è nota anche per la sua movida, non di questi tempi ma è molto amata dai giovani. Per questo è molto quotata tra i turisti più giovani.

Tenerife

È la più grande isola delle Canarie e forse anche la più nota. Ricca di testimonianze storiche, con reperti che risalgono al periodo indigeno. A Tenerife si innalza la vetta più alta della Spagna, il vulcano Teide. Con i suoi 3.718 metri sul livello del mare, si tratta anche della montagna più alta delle isole dell’Oceano Atlantico, nonché del terzo vulcano del mondo per altitudine dalla sua base, dopo il Mauna Loa e il Mauna Kea delle Isole Hawaii. Un’escursione su questa vetta è una tappa imprescindibile per chi visita Tenerife.

Da non perdere anche Siam Park, il più grande parco acquatico d’Europa. Questo divertente regno dell’acqua è diventato uno dei migliori parchi acquatici del mondo e il più grande d’Europa. Con i suoi scenari incredibili ispirati all’architettura tailandese, gli scivoli alti fino a 28 m. e la vegetazione lussureggiante, è un’esperienza da non perdere, soprattutto se si viaggia con i bambini.

Ma in quest’isola, si può godere anche di innumerevoli piscine naturali, perfette per ritagliarsi bagni in acque tiepide e calme. La zona meridionale dell’isola pullula inoltre di spiagge, in gran parte di origine vulcanica, di cui poter approfittare tutto l’anno grazie all’abbondanza di giorni di sole e alle temperature comprese tra i 18 gradi d’inverno e i 26 d’estate.

Lanzarote

Lanzarote è un piccolo paradiso per gli amanti della natura. Vanta ben tredici aree naturali protette, tra cui il Parco Nazionale Timanfaya che, con i suoi venticinque vulcani, dal 1993 è divenuto Patrimonio dell’Umanità UNESCO venendo qualificato come “Riserva della Biosfera”.

Contraddistinta da un paesaggio “lunare”, ricoperto di crateri e da vallate di lava solidificata, Lanzarote è senza ombra di dubbio la meta adatta per i viaggiatori alla ricerca di pace e di un contatto autentico con la natura. Per chi ama il divertimento sfrenato, meglio puntare su altre isole dell’Arcipelago.

Isole Canarie

La Palma

Anche a La Palma la natura rappresenta un magnifico universo tutto da esplorare. Spiagge vulcaniche, cale nascoste e scorci naturali straordinari hanno permesso all’isola di ottenere l’appellativo di “la isla bonita”. Siamo di fronte all’isola più verde dell’intero Arcipelago delle Canarie, ricca di boschi lussureggianti e di preziosi tesori ecologici. Tanto da essere stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO.

Con una temperatura media annua compresa tra i 16 e i 21 gradi, La Palma ospita inoltre diversi monumenti, aree archeologiche e complessi storici, tra cui spicca quello di Santa Cruz de La Palma, eccellente esempio di impronta coloniale.

Gran Canaria

È un’isola coronata da profonde scogliere al nord e da vaste spiagge al sud, molte delle quali particolarmente imponenti e suggestive. Tra queste spiccano Montana de Arena, San Agustín e Las Canteras. Gran Canaria è chiamata “continente in miniatura” per la varietà di climi e di panorami che è possibile trovarvi.

La maggior parte dei turisti soggiornano nel sud dell’isola che è più esposto al sole e presenta meno giorni di pioggia rispetto al nord. Nell’area meridionale di Gran Canaria si estende un grande parco naturalistico, Palmitos Park, che ospita una grande varietà di flora e di fauna tropicali.

Conosciuta per il suo Carnevale, la capitale Las Palmas, oltre a offrire sole e spiagge ai suoi innumerevoli visitatori, custodisce un eccezionale patrimonio storico. Non a caso, Vegueta, il centro della città, è dal 1990 Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

El Hierro

Soprannominata “la isla del Meridiano” è la più piccola e la più sud-occidentale di tutto l’arcipelago delle Isole Canarie. Il capoluogo è Valverde, località ubicata su una montagna a un’altitudine di 600-700 metri sul livello del mare. Il capoluogo di El Hierro rappresenta la base ideale per muoversi alla scoperta delle meravigliose aree verdi situate nei suoi dintorni.

La Gomera

Detta “la isla magica”, La Gomera è la penultima isola delle Canarie per estensione. Si tratta di un autentico scrigno ecologico, contraddistinto da un litorale selvaggio, da boschi rigogliosi, da piccole spiagge di sabbia nera e da vari villaggi ricchi di tradizione.  Nell’isola spicca il Parco Nazionale di Garajonay, una foresta dalla vegetazione preistorica che è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO al pari di altri siti delle Canarie.

Leggi anche

 

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook