Briciole d’estasi

 

Hai preso per mano
talvolta
il fantasma di me
Svelato
frammenti di luce
in pioggia di stelle.
Donato
ali di tigre
e braci di vetro
su ombre strozzate
in gole di piume.
Tagliato con ascia,
paura di schegge.
Amare è cibarsi
di briciole d’estasi
su bocche di vento
in forma di te.

7 comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia e blogger, scrivo per legittima difesa.

Facebook

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.