Cosa è questo Natale?

Cosa è questo Natale?

Una corteccia, una montagna che non si muove,

una febbre in gola,

dove tutti stracciano i minuti per poi cantare?

O è forse, quando un Dio

ti accarezza il petto

con un impasto spalancato

di luce, col succo dell’aurora?

Non so, ma come credo,

è un pò celeste

è anche rosso e verde,

e viola e giallo,

ogni Natale.

E’ anche una memoria

delle notti tarde,

macinate a curar dissesti

di bambino,

con le voci

maturate come chicchi,

di fine anno,

tra pan pepati e fuochi accesi.

E’ quella speranza che si rinnova

non solo del Dio che nasce,

quanto, piuttosto,

dell’io che cresce,

nel mentre la marea del tempo

si fa mistero e neve,

e tacitati movimenti.

C’è una legge che non comprendo

ma che si fa profumo

in certi inverni

di quando tutto era stare insieme

a infilare stelle

negli aghi delle feste.

Si tremava, quelle sere,

d’incandescenti attese,

si trema ancora,

ma diversamente.

Di ciò che senti e si fa battito

sul vissuto e su ciò che vedi.

Non tanto per adorare, non ne sei capace,

ma per l’antichità profonda,

sparsa in quella zolla

che sa d’infanzia,

a fiotti

e di parenti saltimbanchi

tra covate e facce brille.

Intanto, in silenzio,

  brinda l’invisibile,

forse,

ma per fatti suoi

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia e blogger, scrivo per legittima difesa.

Facebook

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.