È il suono che sgronda

È il suono che sgronda,
di un cielo cupo,
l’ignoto che sfessura,
sul presente, sull’infiammazione di ogni giorno che saetta,
ancor di più,
se la sera si fa lunga

solitudo

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.