Folgori di fiori

IMG_20160821_112428
La vita e la bellezza

 

Amo i fiori, ne ascolto il respiro e ne adoro i profumi.

I loro colori infondono visioni ai miei occhi. Trovo la loro compagnia esaltante. Passeggiare in mezzo a tanta intensità, come accaduto all’orto botanico di Edimburgo, il celeberrimo Royal Botanic Garden, è qualcosa che, con la sensibilità giusta, ti avvicina al groppo estatico che, a me, ad esempio, prende quando scheggia la luce dell’aurora o del crepuscolo e mi ritrovo e contemplarne l’istante fugace.

Il Royal Botanic Garden, che risale al 1670, mette insieme più di 15.000 specie di piante e l’herbarium arriva a tre milioni di specimen. Il parco è immenso, 28 ettari di bellezza, in cui è facile imbattersi con una piacevole umanità che, attonita, veglia e contempla la natura, spesso in un silenzio irreale talmente le parole diventano difficili di fronte a queste estatiche percezioni. Ci si passa praticamente tutto il giorno e gli ingressi sono due: est e ovest.

Nel Royal Botanic si trovano inoltre orti di piante commestibili, che fanno parte di progetti scolastici per portare gli studenti alla scoperta del potere benefico della natura e della terra,  un’esposizione di fossili e un ampio giardino dedicato alla Regina Madre. Per non dire della “baluginante” Glasshouse, una meravigliosa orangerie che mette insieme un percorso di dieci ambienti con diversi habitat terrestri e collezioni di piante di tutti i tipi.

Le persone camminano in questi spazi come chi entra a San Pietro o in qualsiasi luogo d’arte del mondo. Almeno questo è quello che io ho ravvisato, sentito profondamente. In una contemplazione ammirata della natura che realizza un sogno con la stessa potenza dell’arte.

Tutti lì a vegliare e respirare bellezza. Sentirsene avvolti. Senza limiti. Chi possiede sensibilità, la profonda cultura dell’anima, la più difficile, perché la si puà affinare ma se non la si possiede, non si studia,  ascolta il palpito dell’essenza e comprende. Come ascoltare un rito in latino.

Non si capisce molto ma spesso, se si ha la giusta percezione, si riesce a “vedere”. Così è ogni volta per me. Di fronte ai fiori, alla natura, ad un tramonto infiammato e al risveglio, quando nell’ora blu, il fiato è sospeso. Un attimo ancora di notte prima che esploda la luce con la sua intensità.

E in quel passaggio di un istante, si ricrea un’atmosfera che è pura eternità. L’aurora che denza in una proropmpente sensualità. Vi propongo questa mia esperienza, abbinandola ad una breve poesia e a qualche scatto. Per una giornata profumata e di totale colore. Di pura visione.

 

edimburgoortobotanico2

Folgori di fiori

Squarciano folgori
di fiori
in cinigia di cielo
veemenza
che svela
nell’incalzare di un attimo
infuocati crini
da cui si diparte
un palpitare che scricchiola
mentre cigolano
intrecciate lontananze
di vette
e pupille sbucciate

 

IMG_20160819_105226
Una rosa esclusiva

 

 

edimburgoortobotanico1
Girasole Royal Botanic Garden

 

IMG_20160815_180953
Royal Botanic Garden

 

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.