Grace Kelly, viaggio a Monaco ripercorrendo i suoi luoghi più amati

Grace Kelly, ripercorrendo a Monaco i suoi luoghi più amati
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay

Grace Kelly, a Monaco sulle tracce dell’iconica principessa, un’idea per un viaggio diverso. Un percorso da mettersi in lista appena si potrà circolare liberamente.

Grace Kelly, il 12 novembre del 1929 nasce a Philadelphia una giovane che diventerà la principessa simbolo di glam e di eleganza.

Ecco un tour del Principato che ripercorre i luoghi che celebrano uno dei personaggi più amati della storia.

Novembre è senza dubbio un mese importante per il Principato di Monaco. Il 12 la principessa avrebbe compiuto 91 anni, il 19 invece i monegaschi hanno festeggiato la Festa Nazionale del Principato. Celebre star di Hollywood, Grace Kelly si aggiudica l’oscar nel 1955 con la pellicola La ragazza di campagna.

Grace Kelly, viaggio a Monaco ripercorrendo i suoi luoghi più amati

L’anno seguente, all’apice del successo, si ritira dalle scene cinematografiche, sposando il Principe Ranieri III, lo scapolo più ambito del momento.

Grace Kelly, sulle tracce della principessa: tante le cose da vedere

Sono tanti i luoghi che a Monaco rievocano il suo nome, perfetti per un tour regale alla scoperta dei suoi percorsi. Ad esempio, il Palais Princier, nello storico quartiere di Monaco Ville, dove la principessa va a vivere dopo le nozze.

Il Palais Princier è uno scrigno di tesori. Racchiude opere d’arte inestimabili con la sua galleria italiana e i suoi affreschi del XVI secolo.

Qui ogni giorno, alle 11.55, si svolge ancora oggi il cambio della Guardia dei Carabinieri del Principe. A parte quest’anno particolare, gli interni sono visitabili da aprile a ottobre. Di spicco sono il Salone Louis XV sui toni del giallo e dell’oro, la Sala del Trono, il Cortile d’Onore e la scalinata del XVII secolo in marmo di Carrara.

La passione per le rose

Grace Kelly era appassionata di rose. Le vengono regalati due esemplari realizzati da un botanico francese appositamente per lei: ‘Grace de Monaco’ nel 1956 e ‘Princesse de Monaco’ nel 1981. A questo fiore Grace dedica il Ballo della rosa, un galà di solidarietà che ha l’obiettivo di raccogliere fondi ogni anno per i più sfortunati.

Da non farsi mancare, dunque, una visita al roseto Princesse Grace. Un luogo magico e suggestivo, inaugurato nel 1984 dal Principe Ranieri, in memoria della consorte, due anni dopo la sua scomparsa.

Nel cuore dei lussureggianti giardini di Fontvieille, il roseto, con la statua della Principessa Grace, è ideale per piacevoli e romantiche passeggiate. A “stordirvi”, i profumi di 6.000 roseti con oltre 315 varietà provenienti da tutto il mondo.

Il Giardino giapponese

L’influenza di Grace de Monaco non finisce qui. Situato su Avenue Princesse Grace sorge lo splendido Giardino giapponese, voluto dalla principessa e inaugurato nel 1994 dal Principe Ranieri.

Questo spazio, progettato dall’architetto paesaggista Yasuo Beppu, è un tripudio di tradizioni giapponesi e di elementi mediterranei. Un bel viaggio esotico nel Sol Levante tra laghetti, isole, cascate, corsi d’acqua, lanterne, ponti suggestive e case del tè. Nel giardino, tra bambù, ulivi e melograni, domina la filosofia zen.

Sarà una visita all’insegna del benessere, del relax e della meditazione.

Un altro luogo che vanta uno stretto legame con la principessa è la Cattedrale dell’Immacolata Concezione nel centro storico di Monaco, un luogo di culto tra i più importanti del Principato costruito nel 1875, con blocchi di pietra levigata provenienti dalla regione francese della Turbie. Qui si è celebrato il matrimonio tra Grace e il Principe Ranieri. Oggi la Cattedrale accoglie le loro tombe, posizionate una accanto all’altra.

Leggi anche

 

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook