Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio

Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio
Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio

L’Islanda da percorrere in moto è il sogno di tanti motociclisti. Non come la più classica meta Nordkappe ma se dovessimo parlare di destinazioni che ogni motociclista vorrebbe poter dire nella vita “taaac”, fatto, troviamo sicuramente Capo Nord, gli Stati Uniti con la Route 66 e appunto l’Islanda. Luogo dove per il 2021 è prevista la terza edizione dell’evento che risponde al nome di Honda Adventure Roads. In questo articolo vi segnalo inoltre qualche tour operator interessante per i vostri futuri viaggi organizzati nella terra dei geyser.

L’Islanda, che “ardente desiderio”. Soprattutto in motocicletta. Honda Adventure Roads tornerà a giugno 2021 per la sua terza edizione in questo straordinario paese. Obiettivo, affrontare gli straordinari paesaggi vulcanici dell’Islanda in sella alla CRF 1100 L Africa Twin. Seguendo le tracce dei precedenti tour in Norvegia e Sudafrica.

Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio

La prima edizione di Adventure Roads ha visto coinvolti 40 motociclisti per un viaggio di 8 giorni e 3.500 km da Oslo a Nordkapp, il punto più a nord d’Europa.

Nel 2019, la seconda edizione dell’evento  ha portato gli amanti delle due ruote a percorrere la bellezza di 3.700 km per un coast to coast da Durban a Città del Capo, esplorando meravigliosi tracciati e paesaggi epici per 12 giorni all’insegna dell’avventura.

Honda Adventure Roads, in Islanda il prossimo anno

Per il 2021, Honda Motor Europe porterà 30 piloti in sella alla CRF 1100 L Africa Twin, anche in versione Adventure Sports, in un raid di 11 giorni attraverso la terra del “Fuoco e Ghiaccio”.

A proposito di motociclette, io mi “accontenterei” anche di attraversare l’Islanda con l’Africa Twin (ve ne parlo qui). Anche se per la verità ambirei a percorrere le strade d’Islanda in sella a Sigrùn La Valchiria, la mia attempatella BMW GS 1200 Adventure,  oppure in sella ad un bel Superténéré 1200 o con la nuova Suzuki V-Strom 1050 XT. Meno fascino in me suscita la “kappona” che manda in estasi gli smanettoni.

Da Reykjavik, la capitale più a nord del mondo, il terzo Adventure Roads si snoderà verso il sud dell’isola per poi attraversare gli altipiani sperduti del settentrione e tornare infine a Reykjavik. Godendosi alcuni dei paesaggi più stimolanti a livello motociclistico nell’emisfero boreale, i partecipanti guideranno le loro Africa Twin su tracciati di ogni tipo.

Dalle strade perfettamente asfaltate ai sentieri sterrati, navigando sulla famosa sabbia nera e guadando fiumi, potendo ammirare al contempo la maestosa bellezza di un’isola famosa per i suoi vulcani, le cascate, i campi di lava, i geyser e le 22 ore in più di luce al giorno durante l’estate.

Chi volesse partecipare, può visitare il sito all’indirizzo https://www.hondaadventureroads.com/it_it.html  per tutte le informazioni.

Islanda in moto, un tour operator “dedicato”

Oltre all’Honda Adventure Roads, di sicuro ideale per gli appassionati di una motocicletta che è stata icona degli anni Ottanta nelle mitiche attraversate dakariane, ci sono diversi altri organizzatori di viaggi in Islanda in moto.

Ve ne segnalo alcuni che, pur non avendo direttamente sperimentato, ritengo possano essere utili. Tra i più noti tour operator per i viaggi in moto nella terra dei geyser abbiamo sicuramente Islanda In Moto (link al sito).

Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio

Alex Tamburini, geologo e motociclista, ha trasformato la sua passione in un lavoro una ventina d’anni fa. Organizza tour nell’isola senza nessuna intermediazione ma solo appoggiandosi direttamente, grazie anche all’esperienza acquisita, agli operatori locali.

Specialisti in “deserto”, escursioni africane e Himalaya

Abbiamo poi Desartica Adventures. Specializzati in viaggi nel deserto (e l’Islanda lo è a suo modo), Desartica Adventures propone viaggi avventura in 4×4, viaggi moto enduro e stradali, viaggi MTB e viaggi camper, dove il partecipante è protagonista con il “suo” mezzo, e propone i propri viaggi come meglio crede per essere supportato in tutto.

Da tenere in considerazione anche Go Biker. Go Biker è un tour operator socio della Holding di Tour operator go world. Le radici affondano nella storia di Raid Inside, nel 1993. Grazie agli anni di viaggio con gruppi in moto per il mondo, dagli USA alla Nuova Zelanda, da Capo Nord al Sud Africa, dall’Himalaya e lungo la Via della Seta, Andrea Alessandrelli fonda insieme al socio Go World, la Go Biker,  per mettere al servizio dei motociclisti la passione e la professionalità nei viaggi in moto.

Islanda in moto, qualche idea per il prossimo viaggio

Insomma, quest’anno abbiamo tante ragioni, mi pare evidente, per rimanere in Italia e portare “supporto” a tanti dei nostri borghi e delle nostre città che non sono ancora fuori da questo incubo chiamato coronavirus e che sta mettendo a dura prova la nostra economia.

Però, un pensiero per il prossimo anno o forse anche per i prossimi mesi io lo farei. Già mi vedo il prossimo anno a immergermi nei paesaggi lunari della meravigliosa Islanda. Dobbiamo avere fiducia. I vulcani Askja e Laki, Mivatn, il Landmannalaugar, Geysir, le cascate Gulfoss e Dettifoss ci aspettano. Se non ora, quando?

Foto: Honda

Leggi anche

Capo Nord, a 21 anni viaggio in moto sulla vetta d’Europa
La motocicletta come Zen e ossessione filosofica

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook