Dal Lago di Vagli riemergerà “il paese fantasma” di Fabbriche di Careggine

Dal Lago di Vagli riemergerà "il paese fantasma" di Fabbriche di Careggine
Foto: Wikipedia

Il lago di Vagli si trova in Alta Garfagnana ed è costituito da un bacino artificiale. Il prossimo anno il bacino sarà “prosciugato” per far emergere in tutto il suo mistero un “paese fantasma” di origine medioevale chiamato Fabbriche di Careggine, in provincia di Lucca, sulle Alpi Apuane. Forse, un mondo parallelo al nostro come nella serie Dark?

Il Lago di Vagli sarà svuotato nel 2021 per portare di nuovo alla luce le antiche rovine di Fabbriche di Careggine. È il 1994 quando la diga dell’Enel viene  “prosciugata” per l’ultima volta per consentire di ammirare ai visitatori, tantissimi nell’estate di quell’anno, quella che viene da molti definita “l’Atlantide toscana”.

Il borgo medievale di Fabbriche di Careggine, fondato da fabbri ferrai bresciani nel XIII secolo, scompare dalle carte geografiche tra il 1947 e il 1953. Il borgo conta solo 31 case e 146 abitanti quando, nel 1947, viene sommerso in seguito alla costruzione di una diga di 92 metri, realizzata per la produzione di energia idroelettrica dalla SELT valdarno, oggi Enel.

Lo sbarramento del Torrente Edron che si conclude nel 1948 dà origine al lago di Vagli. Gli abitanti del paese si trasferiscono nel comune di Vagli Sotto e lasciano le proprie case, chiese, laboratori e luoghi di incontro, sommersi per sempre.

Lago Di Vagli, lo svuotamento nel 2021

Enel ha confermato su più fonti la possibilità dello svuotamento del lago di Vagli nel 2021 a scopo di promozione turistica. Non ci sono date ma il percorso è già avviato. Ecco la nota, come riportata da The World News:

È in corso di formalizzazione un ‘Memorandum di intesa’ con Comune di Vagli di Sotto e Romei srl per supportare il “Progetto Essere 2020 Vagli. ”Il memorandum intende promuovere e sostenere un turismo responsabile, attraverso la sensibilizzazione e la crescita culturale della collettività in materia di energia pulita e rinnovabile: tra le proposte considerate nell’ambito dell’iniziativa vi sono l’apertura di siti adibiti a musei digitali indoor, la realizzazione di istituzioni museali sul territorio e sulla storia locale, la riqualificazione dell’ambiente naturale, compresa la pulizia dell’invaso di Vagli mediante una serie di attività che, attraverso il possibile svuotamento del bacino, prevedono la realizzazione di attività manutentive sulle opere idrauliche, interventi ambientali con lavori di ingegneria naturalistica e progetti di valorizzazione turistica”.

Il lago di Vagli è raggiungibile, in auto, tramite la SR445 della Garfagnana o in treno, tramite la linea Lucca – Aulla, stazione Poggio – Careggine – Vagli e poi con bus pubblici (linea VaiBus Q5). La linea collega Vagli di Sopra e Vagli di Sotto anche a Castelnuovo di Garfagnana.

Tante e misteriose leggende

Una volta arrivati, si percorre un itinerario tra le casette in pietra rimaste, tutte senza il tetto, ingressi molto bassi e una strana di mistero. Si vede ancora il campanile intatto della chiesetta di S. Teodoro, un tuffo nel passato che riemerge una volta ogni dieci anni, un paese fantasma su cui fioriscono sempre aneddoti e leggende. Sono tante le storie che si raccontano a proposito di quello che fu uno dei maggiori centri di produzione del ferro in Italia.

Si parla di grida, di misteriose presenze, di musiche inquietanti, un insieme di fattori che, uniti ai boschi, alle colline e a tutto il contesto ambientale intorno al lago di Vagli, renderanno la vostra visita al borgo di Fabbriche di Careggine davvero indimenticabile. Chissà che non si finisca per sconfinare in qualche mondo parallelo come si vede sulla serie molto “noir” di Netflix Dark.

Leggi anche

 

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook