Le Lettere del Sorriso, gli auguri per chi trascorrerà il Natale in ospedale

Le Lettere del Sorriso, gli auguri per chi trascorrerà il Natale in ospedale

Dopo un fortunato lancio su Facebook, sono oltre 1000 le lettere di auguri che sono state spedite da tutta Italia all’Associazione Veronica Sacchi Onlus, che con i Volontari col Naso Rosso, porta sorrisi negli ospedali di Milano e provincia. I giovani Clown dottori, regaleranno le lettere del sorriso a partire dal 14 dicembre 2019 all’ospedale Gaetano Pini, il 20 dicembre all’ospedale San Paolo e in tutte le strutture che visiteranno fino a Natale e oltre

Sono oltre 1000 le Lettere del sorriso arrivate all’Associazione Veronica Sacchi Onlus (AVS). Destinate a chi è costretto a restare lontano da casa anche durante le feste di Natale per motivi di salute.

“Ciao, spero che questo Natale all’ospedale tu stia bene perché a Natale è brutto stare male”, “Auguri a te che non ti arrendi mai perché sai che la vita ti deve ancora un sogno…”.“Guarisci presto, hai troppe cose da fare lì fuori”, “Lascia che il tuo sorriso sia più forte della tristezza”, “E ricorda, è dal dolore che si può ricominciare”, “… sei amato più di quanto tu possa immaginare”.

Questi sono solo alcuni dei pensieri arrivati attraverso le lettere. Destinati ai pazienti dei reparti ospedalieri, delle strutture di ricovero spesso oncologici e di varie età, in situazioni in cui tutti noi potremmo ritrovarci. Situazioni in cui anche un semplice sorriso o una parola di conforto possono aiutare a superare una giornata difficile, alleviare un po’ di dolore o portare un poco di speranza.

Le hanno chiamate le Lettere del sorriso e si tratta di biglietti, card, lettere scritte rigorosamente a mano e nate dalla creatività di adulti e bambini di tutta Italia e in alcuni casi anche provenienti dall’Estero.

L’iniziativa nasce casualmente l’anno scorso dall’incontro di Rossella Manganelli, appassionata di calligrafia, con i volontari di AVS, l’associazione che attraverso la Clownterapia riesce a portare sorrisi e gioia a chi vive in condizioni di malattia, fragilità o disagio. Ai primi di novembre, tramite Facebook, sulla pagina della community “Calligrafia & Handlettering Italia”, è stato lanciato l’invito a scrivere un augurio a uno sconosciuto meno fortunato.

Un invito che ha riscosso enorme successo. Il post, condiviso da AVS e i singoli partecipanti del gruppo, ha permesso all’iniziativa di diffondersi rapidamente triplicando il numero delle lettere ricevute l’anno precedente. Il tutto, è stato possibile anche coinvolgendo maestre di scuole di infanzia e primarie che hanno proposto l’iniziativa ai propri alunni.

Il calore delle Lettere del sorriso

In un’epoca in cui mail, social e chat hanno sicuramente sostituito la lettera per una comunicazione sì più immediata, ma anche più distaccata, la lettera ha la capacità di emozionare e riscaldare il cuore. E in modo del tutto unico e autentico. La magia nel creare contatti caldi e del tutto personali, che solo alla lettera può appartenere. Regalando così emozioni a chi le scrive, ma soprattutto a chi le riceve.

Dei rapporti tra chi le invia le Lettere del sorriso e chi le riceve, resi possibili anche dal fatto che in molte di quelle pervenute ci sono, infatti, indirizzi postali, mail o numeri di telefono per permettere a chi le riceverà, di ringraziare il mittente. E perché no, magari incontrandosi di persona, com’è successo nel corso di questo anno. L’iniziativa sarebbe ormai dovuta terminare lo scorso 6 dicembre, ma la cassetta postale di AVS continua ad essere inondata di lettere.

Le Lettere del Sorriso, gli auguri per chi trascorrerà il Natale in ospedale

I Volontari col Naso rosso, durante le loro uscite settimanali, regaleranno le Lettere del sorriso a bambini, genitori, persone anziane, invalidi, ricoverati ospedalieri. Ma anche centri per disabili, case di riposo e centri diurni di Milano e provincia, fino a Natale e oltre. Finché tutti i biglietti non raggiungeranno i destinatari.

Le consegne

La prima consegna avverrà domani sabato 14 dicembre presso l’ospedale Gaetano Pini di Milano, nell’ambito dell’evento “Pini di Natale”. Mentre la seconda è prevista all’ospedale San Paolo di Milano, venerdì 20 dicembre, dalle 13:00 alle 14:00, in occasione della festa della Pediatria. L’evento rientra nel progetto “Clown Hospital-ity”. Realizzato da AVS e dall’Ospedale con il contributo della Fondazione Cariplo, per rendere più umane le relazioni con i pazienti e più accogliente e a misura di bambino la struttura.

http://old.gpini.it/

Durante la festa verrà consegnata anche una donazione di libri per i piccoli ricoverati e presentato il murales realizzato nell’atrio del reparto dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera, su disegni di Guido Scarabottolo.

Queste saranno anche le prime uscite dei futuri clown dottori. Essi, sono attualmente impegnati nella 28ma edizione del Corso di Formazione che l’Associazione Veronica Sacchi tiene annualmente a Milano e ogni due anni a Lecco. Corso che da’ ai giovani degli strumenti per essere di supporto reale in situazione di disagio fisico, psichico e emotivo. Il corso di formazione è rivolto a 20 ragazzi tra i 16 e i 35 anni ed è finanziato dall’associazione.

Dura 13 weekend da settembre a giugno. E prevede momenti di formazione intensiva, e momenti di osservazione e tirocinio presso strutture sociosanitarie. Le iscrizioni per la prossima edizione si apriranno a marzo compilando il format sul sito dell’associazione. Per maggiori informazioni scrivere a info@veronicasacchi.it.

Tuttavia, per chi lo volesse, le lettere possono ancora essere spedite a:
Associazione Veronica Sacchi Onlus
Via Luigi Guanella, 11/2-4
20128 Milano

Angela Pes

Angela Pes

Diplomata al liceo socio-psico-pedagogico e studentessa di Filosofia all’Università degli studi di Cagliari. Amante della lettura, della scrittura, del cinema e di qualsiasi forma d’arte.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Angela Pes

Angela Pes

Diplomata al liceo socio-psico-pedagogico e studentessa di Filosofia all’Università degli studi di Cagliari. Amante della lettura, della scrittura, del cinema e di qualsiasi forma d’arte.

Seguici su Facebook