Mi attanaglia, morde

Mi attanaglia,

a volte,

morde,

una bramosia di luci

e piccole ali impunturate,

sulla schiena,

come un delirio di volo,

che mi faccia spazio

tra le chiuse del vento,

per poi attraversare

le tacite trasparenze

del buio della notte.

Vorrei straripare

di vertiginose ore,

perforare

il labirinto del mio vivere

e poi affondare

nell’infinità,

con le mani appese,

alle stelle che brillano,

di tutto ciò che non muore

oltre-scozia-2016

2 comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.