Missioni geografiche, portare i bambini alla scoperta del mondo

Missioni geografiche, portare i bambini alla scoperta del mondo
Missioni geografiche, portare i bambini alla scoperta del mondo

Missioni geografiche, un portale per raccogliere e diffondere attività pratiche e di riflessione coinvolgendo i bambini alla scoperta del mondo attraverso l’educazione geografica. Il cardine di questa idea sono proprio le “Missioni”. Piccoli compiti quotidiani da svolgere in luoghi, modalità e tempi ogni volta diversi. Un progetto a cura del Museo di Geografia – Università di Padova​ e AIIG – Associazione Italiana Insegnanti di Geografia​ con la collaborazione del Touring club italiano.

Tramite l’utilizzo di una scrittura divertente e originale, le Missioni saranno costituite da citazioni, sia colte che inventate, da multidisciplinarietà a 360 gradi per mettere in collegamento il vissuto quotidiano personale e la geografia.

I geografi impegnati nella promozione e nel supporto dell’educazione geografica in tutti gli ordini di scuola hanno voluto sensibilizzare all’importanza della geografia. Intimoriti dal rischio che la chiusura delle scuole potesse rappresentare un’ulteriore prova per una disciplina già fortemente penalizzata come la geografia (scomparsa dalla maggior parte degli istituti superiori e accorpata forzatamente alla storia nei licei), i geografi dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia e lo staff del Museo di Geografia del Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova hanno dato vita a questa iniziativa che i geografi stessi definiscono “di ri-animazione geografica mirato a supportare a distanza gli insegnanti, gli studenti e le loro famiglie nei processi di insegnamento e apprendimento della geografia”. (Fonte Touring club italiano).

Missioni geografiche, come funziona il progetto

Responsabile dell’iniziativa Missioni geografiche è Giovanni Donadelli, conservatore del Museo di Geografia e consigliere nazionale dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG). Un progetto per promuovere attraverso il portale una forma di educazione geografica “a domicilio” e ridare anche dignità ad una materia che troppo spesso in passato è stata considerata con la necessaria attenzione.

La geografia, infatti, ci riporta a quel concetto che è anche il motto di Scrittore in viaggio: “La cultura come viaggio e il viaggio come cultura”. Le missioni dell’idea di Giovanni Donadelli sono scritte da un team di autori che, oltre allo stesso ideatore dell’iniziativa, vede le collaborazioni di Valentina Ghirardi, educatrice museale che si occupa di psicologia, arte e geografia, e di Elena Mason, insegnante di scuola primaria e autrice per la rivista Gulliver.

Altra peculiarità interessante dell’iniziativa del portale missionigeografiche.it è l’apertura del progetto al contributo di tutti. Chiunque volesse fornire idee o spunti, verrebbe rigorosamente citato dagli autori.

La geografia come divertimento colto e non solo

Basterà leggere alcune delle tante proposte già pubblicate sul sito per farsi una vera cultura in geografia e scoprirne delle belle. Ci si potrà trovare a fare geografia riorganizzando la dispensa o il proprio armadio. Giocando in famiglia, camminando, andando in bici. Leggendo un libro, ascoltando la radio o semplicemente pensando. Sono le missioni nel quotidiano che ci aiuteranno ad avere una diversa idea di geografia.

Dopo il grande successo dell’iniziativa (oltre 100 mila missioni lette da oltre 25 mila utenti, in due mesi) le Missioni geografiche approderanno anche sul sito del Touring club italiano, inserendosi all’interno della sezione “Geografia”, alla quale già collabora l’AIIG. Per questo sito verranno riproposte alcune delle missioni di maggior successo. Inoltre, verranno create delle missioni ad hoc sui temi d’interesse del Touring.

Anche per offrire nuove idee di viaggio e di turismo in Italia e all’estero. Il primo appuntamento sul sito del Touring Club Italiano è fissato per il primo luglio. Da lì in avanti, verrà pubblicata una missione ogni 15 giorni. Forza allora, tutti alla scoperta del mondo.

Leggi anche

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Altri articoli

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Daniele Del Moro

Daniele Del Moro

Giornalista professionista, appassionato di fotografia, laureato in Lettere, gruppo demo-etno-antropologico, con tesi in Storia delle religioni, motociclista e camminatore. Direzione e coordinamento di redazione per Scrittore In Viaggio e per Green Planet News, quotidiano online e studio di editing e progettazione grafica.

Seguici su Facebook