Riprincipiare

Riprincipiare.

In queste ore roventi.

In un deserto

dove anche l’Invisibile tace.

Nemmeno una carezza di vento.

Nessuno si aggira.

Solo una evanescente risacca,

un ricordo,

mentre la terra risuona

la sua nenia di tenebra.

E le cime rimangono sole.

Con il cuore che fatica

e si sbriciola.

Teniamoci per mano.

Si faccia avanti

chi fa cuccia col mondo,

chi sorride,

chi accoglie tra le mani

il muso dei gattini.

Si faccia avanti,

chi sa far lievitare il pane,

chi raccoglie le spighe.

Riprincipiare.

Da qui,

da questa promessa.

Tenersi per mano.

Con le gambe intrecciate,

come dopo aver fatto l’amore,

respirando vicini.

Con gli occhi che immaginano vita.

Infinita

 

Riprincipiare
Riprincipiare

 

 

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post. Una volta cliccato sul pulsante verifica la tua casella e-mail per completare l'iscrizione.